Il Luppolo e il suo uso

Il Luppolo

Il luppolo (Humulus lupulus, L. 1753) è una pianta a fiore (Angiosperma) appartenente, come la canapa (Cannabis Sp.), alla famiglia delle Cannabaceae; ordine delle Urticali.

Pianta perenne, con rizoma ramificato dal quale si estendono esili fusti rampicanti che possono raggiungere i 7 metri d'altezza.
Le foglie sono cuoriformi, picciolate, opposte, munite di 3-5 lobi seghettati. La parte superiore si presenta ruvida al tatto, la parte inferiore è invece resinosa.
Essendo una specie dioica, i fiori, unisessuali e di colore verdognolo, sono presenti su individui separati. I fiori trans (o staminiferi) sono riuniti in pannocchie pendule e ciascuno presenta 5 tepali fusi alla base e 5 stami; i fiori femminili (o pistilliferi) presentano un cono membranoso che circonda un ovario munito di 2 lunghi stimmi pelosi. Si trovano raggruppati alle ascelle di brattee fogliacee, costituendo un'infiorescenza dalla caratteristica ed inconfondibile forma a cono.
La fioritura avviene in estate. L'impollinazione è anemofila (trasporto per mezzo del vento) e in settembre-ottobre, con la maturazione dei semi, le brattee assumono una consistenza cartacea che aumenta la dimensione del triangolo. I frutti sono degli acheni di colore grigio-cenere.
Le infiorescenze femminili sono ricche di ghiandole resinose secernenti una sostanza giallastra e dal sapore amaro, composta da a-acidi (luppolina, umulone e lupulone), e da polifenoli (es. flobafeni, xantumolo) e numerosi oli essenziali, che vengono utilizzati per aromatizzare e conferire alla birra il suo gusto caratteristico.

Il luppolo predilige ambienti caldi e terreni fertili e ben lavorati. Cresce spontaneamente sulle rive dei corsi d'acqua, lungo le siepi, ai margini dei boschi, dalla pianura fino ad un'altitudine di 1.200 metri se il clima non è troppo ventoso ed umido. La sua presenza è molto comune nell'Italia meridionale. La coltivazione del luppolo in Italia fu introdotta, a partire dal 1847, dall'agronomo Gaetano Pasqui di Forlì, che promosse anche una fabbrica di birra in attività fino agli anni '30 dell'Ottocento.

Il luppolo viene usato soprattutto nel processo produttivo della birra, dove assume l' importantissimo ruolo di conferire la caratteristica più comune alla birra, ovvero il sapore amaro, oltre all'aroma, molto accentuato nelle Pilsner. Prima del luppolo venivano utilizzate altre piante e spezie per bilanciare il dolce del malto. L'uso del luppolo funge anche da conservante naturale della birra in quanto possiede proprietà antibatteriche, per questo motivo certi tipi di birra (per esempio India Pale Ale) venivano abbondantemente luppolati per migliorarne la conservazione. L'uso del luppolo infine aiuta a coagulare le proteine in sospensione nella birra rendendola più limpida (chiarificazione), inoltre aiuta nella tenuta della schiuma.

Tratto da wikipedia.org

 

I FORMATI DEL LUPPOLO

Il luppolo oltre ad avere diverse qualita' esiste in formati diversi:

Coni: si presenta come fiori di luppolo non pressato e come tutti i luppoli va filtrato al termine della bollitura. Questo tipo di luppolo si presta bene ad essere inserito durante la bollitura in appositi filtri che ne facilitano la rimozione dal mosto.

Plugs: si presenta in grandi pastiglie di fiori di luppolo pressato e come tutti i luppoli va filtrato al termine della bollitura. Anche questo tipo di luppolo si presta bene ad essere inserito durante la bollitura in appositi filtri che ne facilitano la rimozione dal mosto.

Pellets: si presenta come piccoli cilindretti di luppolo polverizzato e in seguito pressato; una volta aggiunto al mosto perde la forma cilindrica, tornando luppolo polverizzato. I pellets vengono pressati senza l'aggiunta di nessun'altra sostanza, quindi è solo lo stampo che da loro la forma: proprio per questo motivo può capitare a volte di trovare polvere di luppolo nelle buste confezionate, dovuta appunto allo sbriciolamento meccanico dei cilindretti durante il confezonamento. Come tutti i luppoli va filtrato al termine della bollitura, usando un colino a trama fitta oppure per chi è piu' esperto utilizzando la tecnica del whilrpool. Il luppolo in pellets è uno dei preferiti dai birrifici, poichè ha piu' resa dei coni o plugs (circa il 10%)

 

 

LE VARIE QUALITA' DI LUPPOLO

  • Saaz: (A.A. 3-5 %) provenienza Repubblica Ceca. Tradizionale luppolo da aroma per Lager Boeme. Aroma delicato, floreale e speziato.
  • Hallertauer Hersbrucker: (A.A. 3-5 %) originario dell'omonima regione della Bavaria. E' un classico per l'aromatizzazione di Lager tedesche.Aroma molto buono, piacevole, floreale, delicato.
  • Tettnanger: (A.A. 3-5 %) un altro ottimo luppolo da aroma proveniente dalla Bavaria. Aroma nobile, delicato, floreale.
  • Spalt Select: (A.A. 3-6 %) proveniente dall'omonima regione della Bavaria. Utilizzato nelle Dusseldorf Altbiers. Aroma delicato, floreale e leggermente speziato.
  • Northern Brewer: (A.A. 7-9 %) originario della Gran Bretagna ma largamente coltivato in Germania. Ideale per amaricatura di Lager in stile tedesco. Amaro pulito e secco, aroma fine e fragrante.
  • Fuggle: (A.A. 4-6 %) provenienza Inghilterra. Tradizionale luppolo da aroma e dry-hopping per "ales" in stile inglese. Morbido, piacevole, erbaceo e floreale.
  • East Kent Golding: (A.A. 4-6 %) provenienza Inghilterra. Altro tradizionale luppolo da aroma e dry-hopping per "Ales" in stile inglese. Aroma molto piacevole speziato e floreale. Usato nella ale della "BASS".
  • Bramling Cross: (A.A. 5-7 %) provenienza Inghilterra. Fu sviluppato come sostituto per il Golding. E' da considerarsi un luppolo da aroma.
  • Challenger: (A.A. 5-7 %) provenienza Inghilterra. Sviluppato originariamente da un Northern Brewer per sostituire il Goldings. Ora usato in molte bitter inglesi per l’aroma speziato e fruttato. Per aroma e amaro.
  • Northdown: (A.A. 7-9 %) dall'Irlanda. Altro luppolo da amaro e aroma sviluppato dal Northern Brewer. Utilizzato nella Guinness. Buon aroma, che si fonde bene con altri tipi di luppolo inglese.
  • Target: (A.A. 7-10 %) provenienza U.K.. Il luppolo più coltivato nel regno unito (40 % dell’intera produzione). Da utilizzare essenzialmente per amaro visto il suo alto contenuto di A.A. e per le sue scarse qualità aromatiche.
  • Styrian goldings: (A.A: 4-6 %) Fuggles coltivato in Slovenia. Simile al Fuggles è adatto ad una grande varietà di ales. Amaro, aroma e dry-hopping.
  • Cascade: (A.A. 5-7 %) provenienza U.S.A. Con forte gusto ed un aroma tutto suo, talvolta descritto come speziato o di limone o floreale. Per aroma ma, dato l'elevato alfa acido, anche per amaro.
  • Amarillo: (A.A. 7-9 %) provenienza U.S.A.Floreale ed agrumato, ideale per American Ales e IPA.
  • Chinook: (A.A. 11-14 %) provenienza U.S.A.Utilizzato principalmente da amaro, adatto per IPA, American Barley Whines.
  • Centennial: (A.A. 7,5-11,5 %) provenienza U.S.A..Simile al Cascade dal punto di vista aromatico, ma con piu' AA Floreale ed agrumato, adatto per ogni Ale Americana , dalle Pale Ale alle IPA
  • Columbus: (A.A: 13-15 %) provenienza U.S.A.Agrumato, ad alto AA ma dall'ottimo profilo aromatico. Eccellente per Dry Hopping
  • Simcoe: (A.A. 10-14 %) provenienza U.S.A.Recente varieta', agrumato e resinoso (pino). Luppolo da Amaro ma dall'ottimo profilo Aromatico
  • Willamette: (A.A. 4-6 %) provenienza U.S.A.Qualità di luppolo da aroma con un soffice, delicato sapore. Può essere usato per ales e lagers.
    Ottimo del Dry Hopping
  • Hallertauer Perle: (A.A: 6-8 %) provenienza Germania nasce in Germania come sostituto dell' Hallertauer Mittelfreut. E' usato per l'aromatizzazione delle Lager tedesche e americane, può essere usato anche per l'amaro. Aroma molto piacevole, leggermente speziato.
  • Hallertauer Saphir: (A.A. 3-5 %) provenienza Germania . Nasce in Germania ed è un ottimo sostituto del Saaz. E' adatto all'aromatizzazione delle Lager Pilsner europee. Ha un aroma delicato, floreale e leggermente agrumato
  • Hallertauer Tradition: (A.A. 4-6 %) provenienza Germania .E' un classico per l'aromatizzazione di Lager tedesche. Aroma molto buono, piacevole, floreale, delicato.
  • Hallertauer Magnum: (A.A. 16-18 %) provenienza Germania . Ottimo come luppolo da amaro per molte birre tedesche.
  • Celeia: (A.A. 3 - 5%) provenienza Slovenia. Molto simile allo Styrian Golding, adatto ad una grande varietà di ales. Amaro, aroma e dry-hopping.
  • Pilgrim: (A.A. 9 - 10%) provenienza G.B. . Luppolo da amaro ottimo sostituto del Target. Buon aroma, che si fonde bene con altri tipi di luppolo inglese.
  • Nelson Sauvin (A.A. 10- 12%) provenienza Nuova Zelanda.Ottimo sia da aroma che da amaro, Ottenuto modificando alcune piante di "Smoothcone" (derivazione neozelandese del Fuggle) Il nome ha due rimandi, uno geografico e uno vitivinicolo: Nelson, dal nome della zona centrale della Nuova Zelanda, dalla quale questa varietà di luppolo proviene; Sauvin in onore delle sue caratteristiche aromatiche e degustative, che richiamano le note fresche e fruttate dell’uva spina, descrittore, questo, usato spesso anche per le uve Sauvignon (il celebre vitigno della zona di Bordeaux). E’ un luppolo "vinoso", o meglio, un luppolo che conferisce alla birra le note fresche e fruttate di un buon vino bianco, unite ad altre ricchissime note balsamiche, che richiamano alla mente i Tropici con la ricchezza e la tipicità dei loro frutti.

 

 

COME DOSARE IL LUPPOLO

EBU (European Bittering Units) è l’unità di misura standard che viene utilizzata per definire l’amaro della birra. Ogni stile di birra ha un valore EBU di riferimento. Nella tabella vengono indicati i valori per i tipi più conosciuti.

Per trovare la quantità di luppolo necessario a dare l’amaro si utilizza questa formula:

  • Peso del luppolo (in grammi) = EBU x 10 x Litri Mosto/Alfa acidi % x 20

Il sistema di misurazione in EBU si applica solo per il luppolo che dà l’amaro, cioè il luppolo che viene messo ad inizio bollitura.
Il luppolo che viene aggiunto negli ultimi 5/15 minuti di bollitura non dà un apprezzabile contributo di amaro, questo è dovuto al breve tempo di bollitura. La quantità in grammi di luppolo per aroma che si aggiunge è per esperienza circa il 25% del luppolo amaricante. Sarà il proprio gusto personale e la pratica a dare il peso esatto consono ai propri gusti.

DRY HOPPING
Un altro sistema piuttosto facile per ottenere un meraviglioso sapore di luppolo e aroma è il " dry - hop". Aggiungere 3/10 grammi di luppolo in foglie a fermentazione avviata, per 23 litri di birra. Aspettare 4/5, giorni e poi rimuovere. È più facile mettendo i luppoli in un filtro sterile. Il Dry-hopping produce un notevole aroma di luppolo.
Un sistema molto efficace con l'uso della fermentazione in 2 fasi (vedi consigli) è di inserire il luppolo dopo il primo travaso, per tutto il tempo della 2° fase di fermentazione.

 

 

 

STILE EBU STILE EBU
Lager 20/30 India Pale Ale 40
Pilsner 40 Bitter 40/50
Weizen 20/30 Yorkshire Bitter 35
Biere Blanche 20 Scottish Export 40/50
Mild 20 Irish Stout 50/60
Pale Ale 30 Barley Wine 60/70

 

Foglio elettronico per calcolo OG e conversione dosi luppoli.

 


Questo Articolo è stato inviato in 03. Ingredienti per fare la birra

Birramia, negozio on line specializzato in kit per birra e  kit di fermentazione.
Nel nostro catalogo  troverai malti luppolati e malti pronti delle migliori marche, come Brewmaker, Mangrove Jack's, Woodforde's, Milestone, Coopers, Black Rock, oltre alle nostre linee Mitica, Cosmica, Absolute Malt e Belgian Extreme.
Commercializziamo inoltre materie prime per birra fatta in casa, malto, orzo, luppolo, lievito, libri sulla birra e attrezzature per homebrewers.
Importiamo lieviti liquidi e secchi, come White Labs e Mangrove Jack's. Abbiamo la piu' vasta gamma di kit realizzati con fermentatori inox, teniamo inoltre corsi di birra all grain e corsi di birrificazione.
Birramia, gli specialisti della birra cruda fatta in casa.

Birramia e' un marchio registrato, e' vietata la riproduzione anche parziale di logo, immagini e contenuti istituzionali dell'azienda.
Le immagini contenute sono concesse solo per la visione su questo sito. Tutti gli altri utilizzi sono interdetti, ai sensi della Legge 633/41 e successive modifiche, e ai sensi del Trattato Internazionale di Berna sul Diritto d'Autore.
La menzione del nome dell'autore e' obbligatoria, ai sensi del DPR 19/79.

Enterprise s.r.l. - Via Ciocche 943 H, 55047 Querceta (LU) - P.Iva 02207750460 - Tel. 0584.752540 - Fax 0584.753133